A.S.D. GOSHIN JITSU ACADEMY

Il portale divulgativo dedicato allo studio del Ju Jitsu metodo Goshin Jitsu.

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
 

Ottobre 2015 apertura palestra ASD Olimpia Club Migliarina con il M. Forfori Paolo e Istr. Menini Valter.

 
SETTORE GOSHIN JITSU ACADEMY ADO
Maggio 2013 il metodo Goshin Jitsu diventa un nuovo settore della UISP ADO (Area Discipline Orientali)

29 ottobre 2011" Seminario di Fighting System"

Sabato 29 Ottobre è venuto a trovarci a Montebelluna (TV) il Maestro Raffaele Mezzani.

Raffaele, per gli amici Lele e conviene esserne amico, è il presidente della Goshin Jitsu Academy e responsabile assieme al Maestro Capetta Valter del settore agonistico dell’associazione.


Lele è un atleta con un curriculum notevole. Attualmente si dedica all’insegnamento, cercando di trasmettere la conoscenza acquisita in anni di esperienza sul campo o meglio sul tatami e non solo. E vi assicuro che è impressionante vedere l’agilità e velocità con cui si muove, considerando anche la massa del suo corpo.
Da quest’anno abbiamo inserito nel programma di allenamenti della nostra scuola la Ju Jitsu Bushido anche un minimo di Fighting System, che è l’unico vero modo per scoprire l’efficacia delle tecniche apprese.

Ed è tutt’altra cosa applicare una tecnica con uke passivo, o trovarti di fronte un avversario che parimenti a te desidera scaraventarti a terra, in modi non molto gentili.

Sabato pomeriggio, lasciate mogli, pargoli, fidanzate e amanti, abbiamo seguito la nostra passione e ci siamo ritrovati tutti o quasi, in palestra.

Lele ha spiegato le regole del fight e i 3 momenti in cui si sviluppa l’incontro, combattimento a distanza, corpo a corpo e a terra.

In particolare essendo noi piuttosto a digiuno del combattimento a distanza, calci e pugni non sono infatti il clou del ju jitsu, ha tenuto una lezione sull’abc dei pugni, dimenticavo di dirvi che è pure stato pugile.

I pugni base sono 6, due diretti, due montanti, due ganci.

Ha spiegato come vanno tirati, e per molti è stata un’illuminazione, non è certo il braccio che tira il pugno, ma è tutto il corpo, partendo dai piedi. La posizione dei piedi infatti è fondamentale per determinare il corretto equilibrio che conferisce la potenza al pugno.

Dopodiché ha mostrato come pararsi dai pugni, la guardia da adottare e come chiudersi a seconda del pugno che arriva. Durante gli esercizi abbiamo capito che non è certo sufficiente una lezione per acquisire la reattività dei movimenti, nonostante siano relativamente semplici. Come sempre un conto è la teoria, un conto è la pratica.

Ha poi cercato di mostrarci la subitaneità del passaggio dal combattimento a distanza al corpo a corpo, senza perdita di continuità, senza attese.

L’ultimo quarto d’ora è stato dedicato al combattimento, combattimenti da cinque minuti a coppia, ma che sembrano lunghissimi a chi li sta vivendo. L’adrenalina che sale, il respiro che si fa corto, la sudorazione che aumenta. Tutti i sensi si allertano pronti a scatenare la reazione del corpo.

E’ stata una gran bella lezione, che ha evidenziato come ci sia ancora molto da imparare, ma è anche questo che rende questo disciplina accattivante, non è mai scontato.

Ovviamente la sera siamo andati a festeggiare, in un agriturismo del Montello, stavolta con mogli, fidanzate e pargoli. Ottima conclusione di un’intensa e gratificante giornata.

Ti aspettiamo alla prossima Lele.

Grazie

2° dan istruttore Manolo Assom

 

"Get the Flash Player" "to see this gallery."

Area riservata

Pagine visitate

 

Ultimi articoli inseriti

Pensieri

"... Ogni giorno, la ricerca vi farà diventare una persona naturale e di nobili sentimenti, che non perde facilmente la sua tempra e che non ha paura del suo nemico..." (detto di Shusaku Shitama, 15° Gran Maestro di Sosuishitsu Ryu)
You are here: