A.S.D. GOSHIN JITSU ACADEMY

Il portale divulgativo dedicato allo studio del Ju Jitsu metodo Goshin Jitsu.

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
 

Ottobre 2018 apertura palestra ASD KUSANAGI Treviso con il M. DRAGO AMATO Ruggiero.

 
SETTORE GOSHIN JITSU ACADEMY ADO
Maggio 2013 il metodo Goshin Jitsu diventa un nuovo settore della UISP ADO (Area Discipline Orientali)

Dizionario - lettera H

Indice
Dizionario
lettera A
lettera B
lettera C
lettera D
lettera E
lettera F
lettera G
lettera H
lettera I
lettera J
lettera K
lettera M
lettera N
lettera O
lettera R
lettera S
lettera T
lettera U
lettera W
lettera Y
lettera Z
Tutte le pagine

 

ha: bordo della lama.

ha: supremazia; direzione. Nel Judo: aiuto del Maestro nella conoscenza dell'arte.

hachi. Otto.  ottavo.

hachi-dan: ottavo dan.

hadaka: corpo nudo; nudità.

hadaka-jime: strangolamento a mani nude (senza effettuare prese sugli indumenti). (Newaza; Shimewaza; Katame-no-kata).

hagakure. Breviario dei samurai del XVII secolo. (nascosto dalle foglie)

hai: si.

haimen: (1) ultimo; (2) posteriore; (3) il dietro.

haimen-tsuke: contatto da dietro (Kodokan-goshin-jutsu).

hairi (cfr.  hairu): entrata.

hairi-kata. Forme per arrivare ad una tecnica di Ne-waza.(Judo).

hairu v.: entrare; andare dentro.

haishu. Dorso della mano.

haisoku. Collo del piede.

haito. Dorso della mano;tipo di atemi del Karate.

hajime: (1) inizio; (2) partenza (comando arbitrale).

hajime: origine.

hajimeru v.: cominciare; iniziare.

hakama. Pantaloni tradizionali dei samurai.

hakkaku-bo – bastone a sezione ottagonale hamon – motivo decorativo posto vicino al taglio della spada

han: indiretto. mezzo; metà.

hanareru v.: separarsi; distaccarsi; allontanarsi.

hanareta-ba-ai: a lunga distanza.

hanbo - bastone corto in legno lungo circa 90 cm

han-do no kuzushi:, squilibrio dovuto ad una azione di damashi waza; forma indiretta di squilibrio procurato a se stesso.

hando: reazione.

han-do: via indiretta.

hane (cfr. haneru): saltato.

hane-goshi: lett. anca saltata. Colpo con scatto dell'anca (Tachi-waza; Koshi-waza).

han'ei: prosperità.

hane-maki-goshi: così veniva definito l'attuale hane-maki-komi nel Canon of Judo dei M° K.Mifune (Tachi-waza; Koshi-waza).

hane-makikomi: lett. anca stata (scatto con l'anca) in avvolgimento (Tachi-woza; Koshi-waza). haneru v.: saltare dentro; balzare

hanmi – di profilo

hanmi hantachi. Movimenti di aikido eseguiti da posizione di seiza mentre uke attacca da una normale posizione in piedi.

hanshi – maestro di primo livello, il più alto

hansoku make akai: squalifica del rosso (contendente che indossa la cintura rossa, giudizio arbitrale).

hansoku make shiroi: squalifica dei bianco (contendente che indossa la cintura bianca, giudizio arbitrale).

hansoku make: sconfitta per squalifica. Nel Judo: sanzione equivalente alla perdita di dieci punti e che dà all'avversario la vittoria per ippon (giudizio arbitrale).

hansoku: infrazione; irregolarità; scorrettezza; gioco sleale; azione vietata.

han-sutemi waza: tecniche di mezzo sacrificio.

hantai: (1) opposizione; (2) antagonismo. rovescio.

hantei: (1) decisione; (2) giudizio. Nel Judo. appello dell’ arbitro rivolto ai giudici di sedia, alla fine di una gara con punteggio pari, per chiedere (secondo il loro giudizio) quale sia stato il migliore dei contendenti.

haori – mantello corto

happo no kuzushi: tutte le otto direzioni fondamentali di squilibrio.

happo: in tutte le direzioni.

hara - ventre (2 dita sotto l'ombelico tradizionalmente è il rifugio dell'anima)

hara kiri: lett. taglio dello stomaco. Comune definizione del modo di suicidarsi dei samurai (cfr. seppuku).

hara. Punto del corpo posto sull'asse verticale,quattro dita sotto l'ombelico.Sede dell'energia "ki" e centro di gravit° dell'essere umano. (1) ventre; (2) addome; (3) stomaco.

hara-gatame: leva (controllo) al gomito con l'addome (Ne-waza; Kansetsu-waza: cfr. ude-hishiji-hara-gatame).

haragei. Concentrazione del proprio pensiero delle proprie energie nel centro hara.

haragei: energia addominale.

harai (cfr. harau): spazzata.

harai-goshi: spazzata con l'ausilio dell'anca (Tachi-waza; Koshi-waza; Nage-no-kata).

harai-tsuri-komi-ashi: spazzata al piede tirando e sollevando: variante di tsuri-komi-ashi (Tachi-waza; Ashi-waza).

hara-kiri - apertura del ventre. Il primo caso noto di BUKE che si era fatto SEPPUKU (temine cinese) risale al 1170. Desiderava seguire il suo signore nella morte. In seguito questo suicidio fu definito JUNSHI.

harau v.: (1) spazzare; (2) spazzare via.

hasami: (1) forbici; (2) cesoia; (3) pinza.

hasami-gaeshi: contrattacco a forbice; sforbiciata (Tachi-waza; Yoko-sutemi-waza: cfr. kani-basami)

hasso. Una delle posizioni di partenza dell'Aikijo

hatamoto – feudatario diretto dello shogun

hazumi waza: tecnica con la quale si proietta (l'avversario) sfruttando l’opportunità del momento.

hazumi: stimolo; impeto; occasione; opportunità. Nel Judo: momento opportuno (opportunità) per effettuare una tecnica.

heian. Karate

heian. Primo nome di Kyoto.

heiko dachi – posizione parallela

heiko mochi – Impugnatura parallela del Bo

heimin – sudditi comuni

hejo. Strategia.

henka: (1) cambiamento; (2) variazione; (3) trasformazione.

henka-yotsu: lett. affrontare al contrario. I due contendenti si affrontano avendo le prese contrarie.

heso: ombelico.

hi – il fuoco

hi (pref.): a-; anti-; in-. Generalmente usato per indicare il contrario sia dei sostantivi che degli aggetfivi (p. es.: morale - amorale).

hi (suf.): evitare.

hichu – incavo sopra sternale

hidari mae kuzushi: squilibrio in avanti a sinistra.

hidari shizen tai: posizione naturale a sinistra.

hidari ushiro kuzushi: squilibrio indietro a sinistra.

hidari waza: tecniche (eseguite) a sinistra.

hidari: sinistra.

hidari-eri-dori: presa al bavero sinistro (Kodokan-goshin-jutsu).

hidari-jigo-tai: posizione difensiva a sinistra.

hidari-yoko-kuzushi: squilibrio laterale a sinistra.

hi-ga: lett. non solo io. Lui e me; noi e gli altri.

hi-ga-no-sesshoku: contatto tra lui e me.

hiji - tecniche nascoste

hiji: gomito.

hijikimenosae. Immobilizzazione al gomito. (Aikido)

hiji-otoshi: caduta sul gomito.

hiki (cfr. hiku): (1) tirata; strappo; (2) spostamento.

hikidashi: ritirata; ritirarsi. Nel Judo: rotazione all'indietro; spostamento dei piedi indietro prima della rotazione.

hiki-otoshi: far cadere tirando (Koshiki-no-kata).

hiki-tai: lett. tirata del corpo. Strattonata.

hikite: tirare con la mano.

hikiwake: parità; incontro nullo (comando arbitrale).

hikkomi: trascinamento a terra.

hikkomi-chui: sanzione per trascinamento a terra irregolare (giudizio arbitrale).

hikkomi-waza: tecnica (lecita) di trasferimento a terra del combattimento.

hikkorni-gaeshi: rovesciamento con trascinamento a terra (Tachi-waza; Ma-sutemi-waza).

hikoki: virata.

hikoki-nage: proiezione con virata (tecnica che Tori può effettuare da posizione “quadrupedica” ovvero da posizione inginocchiata con mani a terra perpendicolari alle spalle) (Ne-waza; Te-waza).

hiku v.: (1) tirare; (2) strappare; (3) spostare; (4) trascinare.

hima: (1) tempo libero; (2) periodo.

hima: apertura.

hineri (cfr. hineru): avvolgimento; torsione.

hineru v.: (1) girare; (2) intrecciare; (3) torcere; (4) storcere.

hira - piatto

hishiryo - pensare senza pensare

hiraki (cfr. hiraku): apertura.

hiraku v.: (1) aprire; aprirsi; (2) schiudersi.

hishigi (cfr. hishigu): (1) rottura; (2) frantumazione.

hishigu v.: (1) rompere; (2) frantumare.

hishiji: cfr. hishiqi.

hitai: fronte.

hitokiri – falciatore di uomini

hitsui – ginocchio

hittsui: ginocchio (nel linguaggio dei samurai).

hiza guruma. Ruota al ginocchio.Tecnica di nage-waza.(Judo).

hiza kansezu – articolazione del ginocchio

hiza: ginocchio (cfr. hittsui).

hiza-gashira: lett. testa del ginocchio. Parte superiore del ginocchio; rotula.

hiza-gatame: immobilizzazione col ginocchio (Ne-waza; Katame-waza: cfr. uki-gatame).

hiza-guruma: ruota attorno al ginocchio (Tachi-waza; Ashi-waza).

hiza-jime: strangolamento con il ginocchio (Ne-waza; Shime-waza).

hiza-seoi: seoi-nage con bloccaggio del ginocchio con la mano (Tachi-waza; Te-waza).

hiza-suri: strisciare le ginocchia (detto anche suri-hiza).

hiza-tsume: avvicinare le ginocchia. Nel Judo: distanza delle ginocchia fra Tori e Uke in posizione Seiza (Tai-za) nel Kime-no-kata.

ho (suf.): aggiunto a sostantivi, indica persona di provata affidabilità, esperienza o diplomazia.

ho: (1) metodo; (2) modo; (3) sistema; (.4) arte.(5) direzione.

hoji: (1) mantenimento; sostegno; (2) conservazione.

hojo – legare

hojoundo – esercizi propedeutici

hoka: altro; un altro.

hoka: altrove.

hokkaido. La più settentrionale delle quattro maggiori isole nipponiche.

hokke – loto

hoko. Alabarda

hon - vero, principale, essenziale, base

honbu – principale

honbu-dojo. Dojo centrale

hon-gesa-gatame. Forma di immobilizzazione.(judo).

hon-gesa-gatame: controllo fondamentale di traverso (o a fascia) (Ne-waza; Osaekomi-waza).

honte mochi – impugnatura normale del Bo

hozoin-ryu. Scuola marziale giapponese di lancia.

hsueh – veleno

hyakushu – contadini , agricoltori

hyoshi: tenere il ritmo (attaccare in combinazione).

 



Area riservata

Pagine visitate

 

Ultimi articoli inseriti

Pensieri

Esiste un detto che afferma: "Quando le acque salgono, la barca fa altrettanto". In altri termini, di fronte al bisogno l'ingegno si aguzza. E' vero che gli uomini coraggiosi coltivano tanto più assiduamente le loro qualità, quanto maggiori sono le difficoltà con cui si confrontano. E' un errore imperdonabile lasciarsi abbattere dalle prove. da Hagakure di Yamamoto Tsunemoto
You are here: