A.S.D. GOSHIN JITSU ACADEMY

Il portale divulgativo dedicato allo studio del Ju Jitsu metodo Goshin Jitsu.

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
 

Ottobre 2018 apertura palestra ASD KUSANAGI Treviso con il M. DRAGO AMATO Ruggiero.

 
SETTORE GOSHIN JITSU ACADEMY ADO
Maggio 2013 il metodo Goshin Jitsu diventa un nuovo settore della UISP ADO (Area Discipline Orientali)

Dizionario - lettera S

Indice
Dizionario
lettera A
lettera B
lettera C
lettera D
lettera E
lettera F
lettera G
lettera H
lettera I
lettera J
lettera K
lettera M
lettera N
lettera O
lettera R
lettera S
lettera T
lettera U
lettera W
lettera Y
lettera Z
Tutte le pagine

 

sa. Sinistra.

sabi - stato di rilassata calma interiore, sensibilità per la forma del cerimoniale che esercitata porta all'intuizione

sageo: cordone attaccato al fodero della spada.

saho: buone maniere; decoro.

sai – tridente metallico

saika: più basso; infimo.

saikatanden: basso ventre.

saizen: (1) migliore (2) il più vantaggioso.

saka: (1) precipizio; (2) forte pendio.

saka-otoshi: caduta a precipizio (Koshiki-no-kata).

SAKAYAKI – rasatura alla maniera samurai

SAKE’ – vino di riso tra i 15 e 22 gradi

saki: (1) prima; antecedentemente; (2) prioritariamente.

saki: punta; apice; estremità.

saki-no-saki: lett. prima di prima. Nel Judo: anticipare di un passo (comportamento attivo ispirato al principio "yo").

sakotsu. Clavicola.

sakura: fiore di ciliegio.in Giappone è un simbolo molto importante perché rappresenta tre principi fondamentali: Yamato-damashi (l’anima dei Giappone), Yamoto-kokoro (il culto delle idee giapponesi), Bushido (il codice d'onore dei Samurai) .

samsára – ciclo nascita/morte nel numero prescritto dalla tradizione BUDDHISTA

samurai – da SABURAU colui che serve essere al sevizio

samurai. Uomo che serve. Termine volgare meglio espresso da Bushi, guerriero.

SAN YIN JIAO – (incrocio delle tre vie) punto vulnerabile del corpo

San. Suffisso a nomi di persone per dire signor o signora.

san: (1) terzo; (2) tre.

sanbonme – terzo

san-dan: terzo dan.

sankaku: triangolo.

sankaku-gatame: controllo (con l'uso delle gambe) a triangolo (Ne-waza; Osaekomi-waza).

sankaku-jime: strangolamento a triangolo (Ne-waza; Shime-waza).

sankaku-ude-hishiji: leva al gomito con presa a triangolo (detta anche ude-hishiji-sankaku-gatame).

sankaku-waza. Tecniche a triangolo. Strangolamenti,leve ,immobilizzazioni eseguite col prevalente uso delle gambe.(Judo)

sankyo. Tecnica di immobilizzazione dell'Aikido.

sankyo: terzo gruppo (Ju-no-kata).

san-kyu: terza classe; terzo grado (cintura verde).

sansetsukon - bastone a tre sezioni

sanzoku – bandito di montagna

sasae (cfr. sasaeru): tenuta; bloccaggio.

sasaeru v.: (1) tenere; (2) sostenere; (3) bloccare; (,4) trattenere.

sasae-tsuri-komi-ashi. Trattenere il piede tirando e sollevando.(Judo)

sasae-tsuri-komi-ashi: trattenuta del piede tirando e sollevando: variante di tsuri-komi-ashi (Tachi-waza; Ashi-waza; Nage-no-kata).

sasoku: fianco sinistro.

sasoku: tenere la sinistra.

saya: fodero (della spada).

sayu undo. Esercizio per migliorare la flessibilità e l'agilità del corpo.

se: schiena; dorso.

sei - fondamentale, silenzio forza, la purezza del pensiero

seifuku: arte di rimettere a posto le articolazioni con metodo judoistico.

seigoo: vigore; durezza; tenacia.

seika tanden. Vedi "Hara".

seiken - pugno fondamentale (diretto)

seiki: energia spirituale (forma del ki).

sei-ryoku zen'yo. Il miglior impiego dell'energia.

seiryoku: energia; vigore; vitalità.

seiryoku-saizen katsuyo: miglior impiego dell'energia; principio della massima efficienza nell'utilizzare la mente e il corpo.

seiryoku-zen'yo: forma contratta di seiryoku-saizen katsuyo.

seishin - spirito degli avanzati, maturità spirituale

seisuru v.: (1) controllare; (2) tenere a freno.

seiza - ordine dell'insegnante nel DOJO per iniziare il MOKUSO, indica inoltre la forma dello stare seduti sui talloni per meditare

seiza: posizione seduta (sui talloni) corretta. Posizione di meditazione simile a zazen.

sekkan – reggenti dell’impero

sempai - insegnante diretto degli allievi più giovani

sen: (1) strada; (2) rotta.

sen: azione; iniziativa. Nel Judo: l'iniziativa che si esprime con l'uso dei renzoku waza (tecniche concatenate) e renraku waza (tecniche successive).

sen: scelta; selezione.

senaka: schiena; dorso del corpo; spalla.

sen-no-sen: lett. iniziativa sulla iniziativa (dell'altro).La più alta forma di iniziativa per prendere vantaggio proprio prima dell'attacco dell'avversario. Nel Judo: iniziativa che generalmente si prende nei kaeshi-waza.

senpai: allievo anziano; senior.

senpai-ni-rei: saluto all'allievo anziano.

senryu – poema satirico

sensei: insegnante; maestro.

sensei-ni-rei: saluto al Maestro.

senshu: (1) contendente; (2) atleta; (3) campione.

seoi o ZEOI - da SEOU, caricare sulla schiena

seoi: caricamento sul dorso, sulle spalle.

seoi-nage: proiezione con caricamento sul dorso (Tachi-waza; Tewaza; Nage-no-kata).

seoi-otoshi: rovesciamento (caduta) sul dorso (Tachi-waza; Te-waza).

seou: v. portare sul dorso; prendere sulle spalle.

seppuku: metodo con il quale il guerriero compie il suicidio, comunemente chiamato hara-kiri.

sessoku: contatto (fisico).

setsu: neve.

shaku – misura giapponese cm 30.3

sharin: ruota.

shi - forma, uomo, insegnante

shi (YON) – quattro

shi. Dito.

shiai: (1) gara; partita; competizione; (2) combattimento reale.

shiai-jo: area di combattimento.

shibarI - da SHIBARU, legare

shibori (cfr. shiboru): strangolamento.

shiboru v.: (1) premere; pigiare (2) strizzare; torcere.

shichi: (1) settimo; (2) sette.

shi-chi-dan: settimo dan.

shi-dan: quarto dan (cfr. yon-dan; yo-dan).

shido: massima virtù; supremazia.

shido: osservazione; indicazione; avvertimento; esortazione. Nel Judo: penalità (che viene inflitta, ad esempio, per mancanza di combattività) equivalente alla perdita di tre punti (giudizio arbitrale).

shifu - maestro le cui discipline vivono con lui

shihan: modello (da imitare). Titolo attribuito esclusivamente al Maestro Jigoro Kano.

shihan-ni-rei: saluto al Maestro superiore.

shiho giri. Sequenza di movimenti nelle quattro direzioni cardinali.(Aikido).

shiho nage. Tecnica di proiezione e immobilizzazione dell'Aikido.

shiho: (1) quattro lati; (2) quadrato.

shiho: lett. in tutte le direzioni. Nel Judo: quattro punti di appoggio nelle immobilizzazioni.

shiho-gatame: controllo con quattro punti di appoggio.

shiho-gatame-kei: lett. criterio dominante sugli shiho-gatame. Posizione per mantenere gli shiho-gatame.

shikaku. Quadrato.

shiki - coraggio, risolutezza

shiki. Vedi Yuky

shiki: cerimonia; funzione.

shiki: coraggio (forma del ki).

shiki: stile.

shikko: camminata sulle ginocchia.

shikoro: spallaccio.

shikoro-dori: presa allo spallaccio (Koshiki-no-kata).

shikoro-gaeshi: rovesciata per lo spallaccio (Koshiki-no-kata).

shi-kyu: quarta classe; quarto grado (cintura arancione).

shima: (1) striscia; (2) banda; raggio.

shima-obi: cintura raggiata.

shimban. Arbitro.

shime (cfr. shimeru): compressione alla gola; strangolamento; soffocamento.

shime-garami: lussazione in strangolamento (su attacco di shime-waza di Uke).

shimeru - premere, torcere

shime-waza: tecniche di strangola mento.

shimoseki: lato inferiore dell’area dei kata (di fronte al lato superiore) dove si allineano tutti i gradi inferiori.

shimoza: lato dell’area dei kata alla destra di Joseki (dove si allineano gli allievi).

shin: anima; spirito; mente; cuore.

shinai - arma dritta di bambù usata nel KENDO

shindo iten ryu. Scuola di Aikido creata da alcuni discepoli di Ueshiba.

shingitai. Triplo valore acquisito dalla cintura nera di Aikido. Letteralmente il significato è "Cielo,terra, uomo". Inteso come completezza umana.

shin-gi-tai: spirito-mente-corpo.

shinkake ryu. Scuola di scherma giapponese.

shinken: (1) serio; (2) reale.

shinken-shobu no kata: forme del combattimento reale (altro nome del Kime-no-kata).

shinken-shobu: combattimento reale.

shinogi. Spigolo longitudinale che corre vicino al dorso della lama della spada,utilizzata per le parate.

shintai: avanzamento o arretramento; movimento di spostamento.

shinto - trauma, impatto

shinto. Religione originaria del Giappone.

shiro: bianco.

shirobo - sciabola di legno ricoperta di stoffa bianca

shiroi: colore bianco.

shiro-obi: cintura bianca.

shisei: (1) postura; (2) posizione; (3) atteggiamento.

shita: (1) inferiore; ultimo; estremità; (2) limite della resistenza.

shitei - rapporto insegnante scolaro SHI insegnante TEI alunno

shiten: fulcro; punto di appoggio.

shitsu. Cavita puplitea.

shizen: natura.

shizen: naturale; congenito.

shizen-hon-tai: posizione naturale fondamentale.

shizoku – discendente di un samurai

sho – ceto di mercanti

sho – punto

sho mokuroku. Gradi inferiori alla cintura nera (Kyu).

sho: primo.

shobu: gara; gioco; competizione (combattimento ufficiale)

shochu: estate; estate inoltrata.

shochu-geiko: allenamento estivo.

sho-dan: primo dan. Cintura nera (cfr. ichi-dan).

shoen – proprietà

shogun - generale di stato maggiore

shoji – pareti divisorie di legno o carta

shoku-ho-ukemi. Corretto nome della caduta laterale solitamente chiamata yoko-ukemi.

shokunin – artigiani

shomen - lato anteriore del DOJO

shomen: facciata; parte frontale.

shomen: parte centrale del corpo.

shomen-ni-rei: lett. saluto verso la parete principale della sala (dove generalmente è affissa l’immagine di Jigoro Kano Shihan) cioè: saluto a Jigoro Kano Shihan.

shomen-tsuke: contatto frontale (Kodokan-goshin-jutsu).

shomenuchi. Colpo frontale col taglio della mano.

shoshi - spirito del principiante

sho-to: spada corta (cfr. wakizashi).

shotokan. "La casa delle onde di pino". Stile di karate del Maestro Funakoshi.

shu - gradino prima che s'instauri un rapporto sicuro tra allievo e maestro; forma

shu ha ri - sono i tre gradi della via (SHU - il sistema formale, l'obbedienza nei confronti delle forme tramandate. SHU è il livello del principiante; - HA - libertà dalla forma; RI - simboleggia la capacità alla trascendenza, al perfezionamento dello spirito (SATORI))

shuchu: concentrazione.

shudo – omosessualità

shuriken – dardi

shushi – etica

shuto. Taglio della mano.

shuwan. Palmo della mano.

sichi. Sette.

sika tanden – regione del corpo situata sotto l'ombelico

so – lancia

sobi. Parte bassa del polpaccio.i

sode. Manica del Keikogi.

sode: tutti insieme.

sode-dori: presa alla manica (Kime-no-kata).

sode-guruma-jime: strangolamento con le mani incrociate a ruota (Ne-waza; Shime-waza).

sode-tsuri-komi-goshi: sollevare entrando sotto con l'anca con una presa alla manica (Tachi-waza; Koshi-waza).

sogo: (1) reciproco; (2) mutuo; (3) combinato.

sogo-gachi: lett. vittoria composta; combinazione di punteggi (giudizio arbitrale; p. es.: waza-ari + keikoku; vale a dire che al waza-ari concesso al vincitore, viene sommato il keikoku inflitto all'avversario).

sohei – monaci guerrieri

sojutsu: arte di maneggiare la lancia.

soke - fondatore di un RYU

sokko – collo del piede

sokuho: di fianco.

sokuho-ukemi: più comunemente detta yoko-ukemi.

sokuto - taglio esterno del piede

sosetsukon (nunchaku) – bastone snodato a due sezioni

sonomama: stare fermi; non muoversi (comando arbitrale).

sore made: lett. fino ad ora. Nel Judo: terminate; tutto finito (comando arbitrale).

sotai dosa. Esercizio preparatorio a coppie.

sotai: lett. in generale. Libero.

sotai-renshu: allenamento libero senza resistenza (esercizi che si eseguono in coppia).

soto: (1) esterno; (2) l'esterno.

soto-gake: agganciamento esterno.

sotokaitennage. Proiezione dell'Aikido.

soto-makikomi: avvolgimento esterno (Tachi-waza; Yoko-sutemi-waza).

soto-morote(guruma): teguruma tirato con tutte e due le mani all'esterno (Tachi-waza; Te-waza).

suburi. Esercizio di spada ripetitivo.

suiboku – pittura ad inchiostro

suigetsu – plesso solare

sukashi: schivata.

sukashi-nage: proiezione (dopo aver) schivato (uchi-mata) (cfr. uchi-mata-sukashi).

suki ma: distanza fra due avversari in Katame-waza.

sukoshi: (1) pochi; (2) alcuni; qualche.

sukoshi: un poco.

sukui (cfr.sukuu): cucchiaio (movimento a .... )

sukui-nage: proiezione a cucchiaio (Tachi-waza; Te-waza).

sukuu v.: prendere con un cucchiaio.

sumi: angolo.

sumi-gaeshi: rovesciamento nell'angolo (Tachi-waza; Ma-sutemi-waza; Nage-no-Kata).

sumi-otoshi: caduta nell'angolo (Tachi-waza; Te-waza).

sumo: lotta di forza (sport nazionale giapponese).

suri age (cfr. suru): colpire strisciando verso l'alto (alla fronte); colpo scivolato (Kime-no-kata).

suru v.: fare. Aggiunto a numerosi sostantivi li trasforma in altrettante forme verbali.

suru v.: scivolare.,: strisciare.

suruchin - corda con due pesi all'estremità

suso: falda; risvolto.

suso-jime: strangolamento con la falda della casacca (Ne-waza; Shime-waza).

suso-seoi: seoi-nage con una presa al lembo della casacca (Tachi-waza; Te-waza).

sutemi (cfr. Suteru): (1) abbandono dei corpo; (2) lasciarsi cadere; (3) sacrificio.

sutemi-waza: tecnica di sacrificio: colui che tira la tecnica (Tori) si lascia cadere a terra.

suteru v.: abbandonarsi; lasciarsi andare.

sutra – inno religioso

suwari (cfr. suwaru): (1) seduto sulle ginocchia; (2) inginocchiato.

suwari-seoi (suwari-seoi-nage): seoi-nage con le gambe inginocchiate tra quelle di Uke (Tachi-waza; Te-waza).

suwari-waza: tecniche eseguite nella posizione inginocchiata.

suwaru v.: (1) sedere sulle ginocchia; (2) mettersi a sedere; (3) prendere posto.

 



Area riservata

Pagine visitate

 

Ultimi articoli inseriti

Pensieri

Esiste un detto che afferma: "Quando le acque salgono, la barca fa altrettanto". In altri termini, di fronte al bisogno l'ingegno si aguzza. E' vero che gli uomini coraggiosi coltivano tanto più assiduamente le loro qualità, quanto maggiori sono le difficoltà con cui si confrontano. E' un errore imperdonabile lasciarsi abbattere dalle prove. da Hagakure di Yamamoto Tsunemoto
You are here: